RIFLESSIONE DEL PARROCO

1– Al termine della Settimana Santa e dell’Ottava della Pasqua di risurrezione, momento di particolare grazia per le nostre Comunità cristiane, desidero esprimere un vivo ringraziamento a tutte le persone che si sono impegnate perché le Liturgie fossero un’autentica festa del popolo credente: i cantori, gli organisti e musicisti, i giovani, i chierichetti, le persone che hanno pulito e abbellito le chiese, chi ha curato o regalato i fiori alle nostre chiese, i sagrestani, i lettori, le nostre Suore, e tutti i cristiani che hanno partecipato con viva fede e con il canto.

La nostra vocazione di popolo di Dio è di testimoniare Gesù risorto; è un mandato ricevuto da Lui che non possiamo tradire, specialmente in questo tempo che necessita della speranza cristiana.

Un grazie vivissimo vada pure a chi ha fatto dono di cibi e bevande per le attività comunitarie di questi giorni, per i poveri o per la canonica.

2– In prossimità alla annuale denuncia dei redditi, si ricorda che uno dei canali di sostegno alla Chiesa Cattolica, che lo Stato italiano ha previsto attraverso il Sistema concordatario (nel 1983), prevede la Firma nella Dichiarazione dei Redditi alla voce “Chiesa Cattolica”, in occasione della propria Dichiarazione.

Con questa firma sulla Dichiarazione dei Redditi, non si richiede alcun esborso economico, ma solo la “fatica” di apporre la propria firma in favore della “Chiesa Cattolica”. È una firma importante, perché grazie ad essa, lo Stato italiano restituisce ai cattolici (e non solo) l’8 per mille delle tasse incamerate, e da loro sborsate.

Con l’8 per mille, la Chiesa cattolica realizza tre obiettivi: a) il sostentamento dei sacerdoti; b) il sostegno alle parrocchie italiane per le ristrutturazioni di chiese e locali pastorali, musei, biblioteche e archivi (con la copertura del 70% delle spese previste); c) il sostegno alle emergenze nazionali e internazionali (terremoti, alluvioni, Caritas, ecc…). Lo Stato controlla minuziosamente il modo in cui la Chiesa cattolica spende questi fondi erogati.

Grazie ai fondi dell’8 per mille, anche noi abbiamo avuto l’opportunità di sistemare la chiesa di Blessano, il muro di cinta della chiesa di Orgnano, e speriamo presto, anche il tetto (in pessimo stato) della canonica dove abitano il parroco e le suore.

Per approfondire questi argomenti si possono visitare i siti https://sovvenire.chiesacattolica.it/https://www.8xmille.it/ su cui si possono anche trovare esperienze realizzate nella nostra Arcidiocesi grazie ai fondi 8×1000. Un grazie sincero a chi vorrà sostenere ancora questi obiettivi.

dD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.